fbpx
Menu Chiudi

Didattica a distanza: sfide e opportunità educative

L’emergenza Corona Virus ha costretto tutti noi a un cambiamento radicale della nostra quotidianità e ciò vale ancor di più per quanto riguarda la scuola, anche durante l’attuale Fase 2.

La chiusura fisica degli istituti e l’attivazione della didattica a distanza sono letteralmente piombati su dirigenti, docenti, studenti e genitori, cogliendo alcuni totalmente impreparati e altri, già avvezzi all’uso delle tecnologie per la didattica, capaci di riorganizzarsi per continuare a svolgere il proprio ruolo educativo in questo nuovo scenario. Il Rosmini International Campus è tra questi ultimi, essendosi attivato sin da subito per adottare tutte quelle strategie necessarie per proseguire la propria mission, tenendo conto delle esigenze di studenti e genitori.

Formazione a distanza, e-learning e didattica a distanza non sono certamente concetti e modalità di apprendimento nuove e inedite. La difficoltà della loro implementazione è stata causata dall’urgenza, dalla stringente necessità di sapersi adattare ad una modalità di fare scuola totalmente a distanza che è arrivata all’improvviso e che è stata per l’appunto totalizzante.

Come gran parte delle nostre attività quotidiane ha portato con sè degli svantaggi e dei vantaggi, per gli studenti in primis, che sono il cuore dell’attività educativa. La maggiore libertà nella gestione dei tempi delle lezioni e dello studio è stata al contempo accompagnata dalla difficoltà per alcuni di saper gestire in maniera autonoma questo spazio di indipendenza, rischiando di incorrere in facili distrazioni. Tutta la sfera delle relazioni in presenza con compagni e docenti è venuto meno così come tutti quei rituali che scandiscono i nostri ritmi quotidiani (uscire di casa per raggiungere la scuola, incontrare i compagni, pranzare insieme, studiare insieme, ecc…). Anche i docenti si sono ritrovati a dover ripensare i loro metodi didattici, instaurare nuove modalità di relazione con i propri studenti e colleghi, riorganizzare le proprie consuetudini giornaliere. Lo stesso discorso vale anche per le figure genitoriali che si sono ritrovate a dover gestire i figli a tempo pieno, supportarli nella didattica e nell’uso degli strumenti, non senza difficoltà.

L’introduzione della didattica a distanza in un modo così preponderante ha rappresentato certamente uno sforzo per tutti, ma come abbiamo detto in precedenza, essa porta con sé anche dei punti di forza indiscutibili come per esempio l’introduzione di un’ampia ed eterogenea gamma di strumenti digitali e di risorse interattive messi a disposizione degli studenti. Altro aspetto è quello di permettere agli studenti di usufruire del materiale didattico online in qualsiasi momento ed in qualunque luogo facilitando l’apprendimento e rendendolo, in questo modo, un momento vissuto con maggiore piacere.

L’emergenza Corona Virus ha messo davanti alla scuola la necessità di ripensarsi e intraprendere un percorso capace di integrare la didattica tradizionale, che rimane certamente imprescindibile, con le nuove opportunità offerte dalle tecnologie. Non dobbiamo poi dimenticare che i nostri ragazzi e le nostre ragazze sono in continua relazione con e attraverso la tecnologia, e il loro utilizzo come strumento didattico può certamente concorrere a sviluppare quell’educazione allo spirito critico che renda i nostri giovani capaci di districarsi nel mare della rete, sapendo riconoscere le informazioni autorevoli, le relazioni sane e acquisire una maggiore consapevolezza di sè e delle proprie qualità.

E’ un sfida educativa quella che abbiamo di fronte, dove tutti gli attori sono chiamati a mettersi in gioco, e naturalmente in primis docenti ed educatori. Ed è proprio a partire da queste considerazioni, ovvero dalla necessità di integrare modalità didattiche tradizionali e tecnologiche, riconoscendo e tenendo ben presente i limiti e le opportunità che portano con sé, che l’incontro L’educazione al tempo della didattica a distanza. Riflessioni storiche e pratiche sulla DaD vuole dare il proprio contributo.

 

👉 Per approfondimenti sulla didattica a distanza

La Scuola, la didattica a distanza e la multimedialità

Didattica a distanza, alcuni suggerimenti per svilupparla al meglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *